photo by hot_pepper

E voi…perchè fate sesso?

Vi siete mai chiesti perché facciamo sesso? Amore, direte. Desiderio, voglia, necessità fisica. Tutto vero, tutto giusto. Ma non è solo questo. Prima di tutto dobbiamo renderci conto di una cosa che la maggior parte di noi non sa e che invece è molto significativa: il sesso è essenziale. Il primo a cercare di spiegare perché il sesso è così necessario fu Maslow, il quale nel 1954 elaborò “la Piramide dei Bisogni” all’interno della quale divise i bisogni in primari, ovvero quelli fondamentali per la nostra sopravvivenza e superiori, più psicologici e spirituali come l’appartenenza (amicizia, affiliazione, etc.) la stima/autostima e l’autorealizzazione. I bisogni primari – che dobbiamo soddisfare per poter poi realizzare quelli spirituali –sono quelli che garantiscono la nostra sopravvivenza fisica: respirazione, omeostasi (equilibrio biologico), sonno, alimentazione e, guarda caso, sesso, inteso non solo come portatore di benessere ma, in particolare, come mezzo per poter garantire la sopravvivenza della specie attraverso la funzione riproduttiva.

photo by Prawny
photo by Prawny

Gli scienziati stessi hanno sempre pensato che le ragioni del sesso fossero unicamente legati alla riproduzione e al piacere, in realtà con l’evoluzione della specie umana, le motivazioni che spingono ad avere un’interazione sessuale sono diventate sempre più complesse e variegate, perché il sesso si è trasformato in una questione relazionale, sociale, emotiva, ludica. In una ricerca condotta da Meston e Buss nel 2005 fu steso un elenco di 237 buoni (e cattivi) motivi per i quali fare sesso e li organizzarono in un test somministrato poi a 503 uomini e 1.046 donne. I motivi più comuni e ricorrenti emersi sono stati quelli previsti e che tutti noi ci aspetteremmo: piacere, vicinanza affettiva, attrazione, desiderio di piacere, eccitazione curiosità, cogliere un’opportunità, amore, voglia di condivisione. Molto romantici direte. Non pensate che sia così per tutti e in tutte le occasioni perché il sesso è alla base del mondo, è ovunque sia un essere umano. E così come una persona vive moltissime situazioni diverse ogni giorno, la stessa cosa vale per il sesso. In effetti dallo studio è emerso che la realtà è molto più complessa e l’attività sessuale non si esaurisce solamente nel desiderio di stare con l’altro o in una necessità biologica, ma c’è molto di più. I ricercatori hanno scoperto infatti che c’è il sesso fatto per vendetta, per punire, per svilire sé stessi o l’altro. C’è chi lo fa per sentirsi più forte e virile o per acquisire un ruolo sociale. E qui ci sarebbe da aprire una parentesi perché da tempi immemori all’uomo che possiede sessualmente molte donne viene associato il potere e l’audacia, le donne di contro vengono immancabilmente viste come ”facili” e “approfittatrici” (che già sono stata soft). Ci sono persone che hanno rapporti per alzare il livello di autostima, per mettere alla prova e potenziare le proprie capacità sessuali, per accontentare il partner, per trasgredire o anche per avvicinarsi a Dio. Si può far sesso per soldi, nel caso della prostituzione o, purtroppo, per ottenere un lavoro o un favore. In alcuni casi la persona potrebbe essere forzata a fare sesso, senza arrivare alla violenza, cosa che potrebbe avere effetti devastanti nella psiche della donna (perché in questo caso parliamo di donne o di minori che vengono circuiti): sindrome post traumatica da stress, ansia, depressione, vissuti di umiliazione.

photo by hot_pepper
photo by hot_pepper

La ricerca ha confermato che c’è una differenza tra le motivazioni al sesso di uomini e donne, ma non così sostanziale come si potrebbe pensare, anche se è stato confermato che l’uomo è maggiormente spinto dalla fisicità, la donna dai sentimenti. Ma cerchiamo di capirci meglio. I maschi tendono ad avere rapporti intimi perché, primo su tutti, attratti fisicamente dal corpo o dal viso del partner (“ha un bel corpo”, “è troppo sexy”). L’uomo inoltre approfitta più spesso di una situazione prendendo l’iniziativa (“era disponibile”, “aveva alzato il gomito e ne ho approfittato”), fanno sesso perché hanno voglia di provare piacere o semplicemente perché sono eccitati e hanno bisogno di “svuotarsi i testicoli”, per mantenere alta la reputazione o per far bella figura con gli amici. Fare sesso per il maschio è anche divertente ed è una cosa bella da fare. Le donne non si discostano di molto, perché le motivazioni femminili che hanno ottenuto maggior riscontro sono le stesse degli uomini ma con una differenza sostanziale: le donne sono risultate essere più romantiche, perché tendono a fare sesso all’interno di una relazione stabile, perché spinte dai sentimenti provati e per la voglia di sentirsi emotivamente vicine all’altro. Le donne si imbarcano in un rapporto sessuale anche perché vogliono sentirsi donne, sensuali e irresistibili, senza però disdegnare l’attrattiva dell’altro che rimane comunque il fattore determinante nella scelta di avere un rapporto sessuale con qualcuno (partner fisso o occasionale).

Queste sono solo alcune delle ragioni per cui facciamo sesso. Illustrarle tutte e 237 sarebbe stato un po’ troppo. Sicuramente la maggior parte di voi si riconoscerà in quanto scritto sopra ma sappiate che i motivi non si esauriscono così in qualche riga. Come avete visto di motivi ce ne sono tanti, quasi infiniti, perché dipendono dalla persona, dalla cultura, dall’educazione, dalla situazione e dai sentimenti provati.

E voi, provate a pensare un po’, per quale motivo fate sesso?

Bibliografia
Meston C. M, Buss D.M., Why humans have sex, Springer Science + Business Media, 2007

Lascia una risposta